La Befana

 

 

Elisa: La Befana o l'Epifania tutte le feste porta via.

 

Cesare: Per fortuna, non se ne poteva più di abbuffate, brindisi, auguri e regali.

 

Elisa: Che misantropo che sei. E poi guarda che la Befana è una tradizione che si perde nella notte dei tempi. E non eri tu quello legato alle tradizioni?

 

Cesare: Ma sì, in fondo questa donna, vecchietta, bruttina, che vola su una scopa ed entra nel camino a portare doni ai bambini…

 

Elisa: Non cominciare però a fare ironia maschilista sulla Befana. In fondo è lei che ha sempre portato i regali, in ricordo di quelli dei Re Magi. Non quel uomo, vecchio, con la barba bianca, i vestiti rossi, figlio della Coca Cola.

 

Cesare: Su questo punto hai ragione. Comunque, come hai potuto notare anche quest'anno, per i bambini è impossibile passare il Natale senza Babbo Natale e aspettare la notte del 5 — 6 gennaio per i regali della Befana.

 

Elisa: Non solo per i bambini. Anche tu non vedevi l'ora di aprire i pacchetti.

 

Cesare: Ma non si era detto che eravamo in ritardo per gli auguri del nuovo anno e adesso ritorniamo a parlare del Natale?

 

Elisa: Va bene, voltiamo pagina. Cari ascoltatori, spero che abbiate superato indenni le feste e che il 2009 sia iniziato sotto una buona stella.

 

Cesare: Ma certo le stelle. Sicuramente se siete dell'Acquario o della Bilancia non dovrebbero esserci problemi, visto che sono i due segni zodiacali più fortunati per il 2009.

 

Elisa: Insieme alla Vergine, immagino. Come ogni anno, il tuo segno ha sempre un oroscopo favorevole.

 

Cesare: Gelosa? Il 2009 si prospetta fortunato soprattutto in ambito lavorativo e intellettuale. In una rivista ho addirittura letto che "siamo più intelligenti di un filosofo, più capaci di ascoltare di uno psicanalista e più…

 

Elisa: modesti del Re Sole. Ma dai, non mi dire che credi a queste cose.

 

Cesare: Non ci credo, ma se qualcuno mi dice che sarà un anno interessante e meraviglioso non vedo perché devo fare tanto il difficile. Per il Leone, comunque, il 2009 sarà contraddistinto da alti e bassi con un periodo favorevole soprattutto da marzo a luglio.

 

Elisa: Cosa vuol dire alti e bassi? Sono affermazioni molto vaghe, non c'è mai nulla di preciso.

 

Cesare: Ma sì, è normale… non voglio adesso difendere gli astrologi e gli indovini. Sono pur sempre un segno di terra, lo sai. Forse, però, ti fa piacere sapere che i Pesci raccoglieranno risultati positivi a partire da aprile-maggio.

 

Elisa: Speriamo quindi che nostra figlia Ilaria ce la faccia a superare gli esami di ammissione al liceo.

 

Cesare: I Pesci di solito raccolgono meno di quanto seminato. Stando alle stelle però questa situazione dovrebbe cambiare da aprile, visto che gli esami sono in maggio.

 

Elisa: Certo, rimangono comunque affermazioni molto vaghe, valide per chiunque.

 

Cesare: Non è che se hai un oroscopo favorevole non devi più studiare o impegnarti. Semplicemente lo fai con più voglia e convinzione, visto che hai le stelle dalla tua parte.

 

Elisa: Così va meglio. Non sarebbe in ogni caso la prima volta che gli oroscopi sbagliano. Quest'anno, per esempio, ho letto tutte le previsioni sbagliate che avevano fatto per il 2008.

 

Cesare: Ah, sì. Dimmi un po' qual è stata la previsione più sbagliata.

 

Elisa: Innanzitutto, la maggior parte degli oroscopi prevedevano la vittoria di Hillary Clinton e non quella di Obama. Il governo Prodi sarebbe rimasto in carica e infine l'Italia avrebbe dovuto giocare la finale degli Europei.

 

Cesare: Non male davvero come errori. Il problema è che, normalmente, a marzo non ti ricordi più le previsioni e vivi come se niente fosse.

 

Elisa: Per fortuna. Secondo me gli oroscopi hanno un successo perché le persone hanno bisogno di una consolazione per le loro insicurezze, può aiutare ad affrontare le sfide del futuro.

 

Cesare: Può darsi, o forse è un modo come un altro per iniziare positivamente un anno nuovo. Un po' come i buoni propositi. Chi alla fine dell'anno non ha almeno pensato, ah ecco dall'anno prossimo voglio fare questo o quello.

 

Elisa: SÌ, però con i buoni propositi dipende da noi e non dalle stelle.

 

Cesare: Certo, li hai anche tu allora?

 

Elisa: Beh, sì…

 

Cesare: Sentiamo.

 

Elisa: Allora, non mangiare troppi dolci, cercare di avere più ordine in casa, buttare quello che non ci serve più, fare qualcosa per me stessa e lavorare meno.

 

Cesare: Non male come programma per il 2009. Non ci sarà da annoiarsi a casa.

Comunque devo dire che alcuni propositi valgono anche per me. C'è quindi una certa affinità di coppia, come si legge negli oroscopi.

 

Elisa: Spero che almeno quello del regime alimentare sia un impegno anche per te. Ultimamente mi sembra che tu abbia rimesso dei chili in più.

 

Cesare: Mah, sai le feste.

 

Elisa: La solita scusa.

 

Cesare: Ok, lo ammetto. Comunque da settimana prossima: dieta.

 

Elisa: Cosa vuol dire la settimana prossima? Dimmi una data precisa, altrimenti arriviamo di nuovo a dicembre.

 

Cesare: Ho capito. Ma quello di non mangiare dolci non era un tuo proposito per l'anno nuovo.

 

Elisa: Sì, ma in due è più facile, o no?

 

Cesare: Certo. Allora se siamo in due a volere una cosa, forse quest'anno riusciamo a liberarci di qualche oggetto che gira per casa da anni.

 

Elisa: Speriamo. Non sarebbe male se riuscissimo a fare qualche viaggio con la macchina piena verso un centro di raccolta…

 

Cesare: Guarda che non è poi così difficile. Basta preparare tutto quello che non si vuole più e al limite vengono addirittura a casa a ritirare tutto.

 

Elisa: Vedremo, sai come sono fatta. Prima di buttare una cosa la sposto dieci volte. Non mi viene così facile liberarmi di qualcosa di mio. E poi tu non sei molto diverso.

 

Cesare: Lo so. Vediamo cosa riusciremo a fare. Mi accontenterei di buttare perlomeno le cose che non funzionano più e mettere in ordine gli oggetti funzionanti che magari potrebbero tornare utili.

 

Elisa: Ecco, mi sembra un obiettivo realizzabile. E come la mettiamo con il lavorare meno? Negli ultimi mesi ti ho visto poco a casa.

 

Cesare: Vedrò di fare il possibile. Meno lavoro e in particolare meno stress. Questo è il mio primo proposito. Negli ultimi anni il famoso motto "dolce far niente" è uscito dal nostro vocabolario.

 

Elisa: Staremo a vedere. Comunque non vorrai diventare un pantofolaio!

 

Cesare: Subito a stimolare varie attività. Vediamo, intanto cerchiamo di lavorare meno. Cominciamo a passare un paio di serate o giorni senza avere mille impegni e poi vedremo.

 

Elisa: Forse hai ragione. Di sicuro non ci potranno fare del male.

 

©podclub

 

Если Вам понравилось — поделитесь с друзьями:

 

продолжить с диалогами уровня выше среднего >>>

 

перейти к диалогам продвинутого уровня >>>

 

перейти к диалогам среднего уровня >>>

 

перейти к диалогам начального уровня >>>

 

Присоединяйтесь к нам в Facebook!


Смотрите также:

Самое необходимое из теории:

Предлагаем пройти тесты онлайн:

Рекомендуемые статьи и видео:

Ещё статьи >>>