Il dessert

 

 

E adesso, come si dice… dulcis in fundo, cioè le cose dolci e piacevoli alla fine. Bene, quest’estate, cari ascoltatori, ho imparato a fare la panna cotta.

 

“Francesca, hai scoperto l’acqua calda?!” Uffa, ma cari amici, un po’ di pazienza! Non tutti sono degli chef sopraffini! Beh, sì, arrivo un po’ tardi, però meglio tardi che mai, no? Dunque, per prima cosa, lo conoscete tutti questo dessert? Penso proprio di sì… Ma forse non ne conoscete la storia. Allora, dovete sapere che la panna cotta nasce agli inizi del ‘900 in Piemonte, dove – sembra – è stata inventata da una signora di origini ungheresi.

 

Ma guarda un po’! Bene, nella ricetta tradizionale, la panna cotta si fa con la colla di pesce, cioè la gelatina. A me sembrava sempre un pochino pesante… Finché qualche settimana fa vado a cena dalla mia amica Daniela e lei mi offre una panna cotta speciale.

 

«Sentirai com’è leggera» mi dice «è una panna cotta vegetariana!».

 

E infatti vi assicuro che era proprio così: una consistenza vellutata, delicata e leggerissima.

 

«Daniela, devi darmi assolutamente la ricetta!»» le dico subito dopo averne mangiate ben due porzioni, generosamente accompagnate da una squisita salsa di frutti di bosco.

 

«Ma certo» mi risponde lei «è semplicissima!» E io adesso la passo a voi.

 

La dose è per 4 persone.

 

Prima di tutto, gli ingredienti: 300 grammi di panna e 50 grammi di latte; meno di un grammo (cioè mezzo cucchiaino da caffè) di agar agar, che è una polvere gelificante prodotta con alghe; un cucchiaio di zucchero (o un po’ di più, se vi piace dolce); della vaniglia e un po’ di buccia di limone grattugiata.

 

Bene, prima di tutto mettete un po’ di panna in una tazzina, unite l’agar agar e mescolate bene. Poi mettete il resto della panna, il latte, lo zucchero, la vaniglia e la buccia grattugiata di limone in un pentolino. Unitevi poi l’agar agar sciolto nella panna. Mettete sul fuoco e scaldate fino a circa 95° (non deve bollire). Lasciate su questa temperatura per 5 minuti e mescolate con un cucchiaio di legno.

 

Poi togliete dal fornello e, sempre mescolando, fate raffreddare. Versate il composto in un piccolo stampo da cake e mettete in frigo per almeno 5 ore. Al momento di servire, togliete dalla forma, tagliate in porzioni e decorate con una salsa di frutta (potete usare lamponi, fragole, ecc.), oppure con una salsa al cioccolato… insomma, come vi piace di più.

 

Bene, non mi resta che augurarvi… buon dessert!

 

©podclub

 

Если Вам понравилось — поделитесь с друзьями:

 

продолжить с текстами уровня выше среднего >>>

 

перейти к текстам продвинутого уровня >>>


Смотрите так же:

Предлагаем пройти тесты онлайн:

Рекомендуемые статьи и видео:

Ещё статьи >>>